Browsing Tag

Roma

Maria Teresa

La fede

18/02/2019|  

Per Domenico, rigido uomo di chiesa che prende i testi religiosi alla lettera, il demonio ha la faccia dell’amore. Ha la faccia di una donna; quella che nella sua giovane età aveva ripudiato – beh, la parola è fintroppo riduttiva per descrivere i fatti – scappando lontano ma che la vita, beffarda, gliel’ha fatta incontrare di nuovo.

Quando queste cose sono successe, Domenico era un giovane di mondo che amava la vita e tutte le cose vane che essa offriva. Studiava, aiutava i genitori nella pasticceria di famiglia e si doveva sposare con una ragazza del paese di cui, vedendola crescere sotto i suoi occhi, si era invaghito non poco. Gli piacevano di lei la forma sinuosa del corpo che immaginava obbediente e fecondo per la sua stirpe, una volta domato, lo sguardo altero che non abbassava mai per prima nemmeno davanti al padre o ai fratelli, la sua genuinità. Ma per motivi che vi già raccontai qui il matrimonio non si fece. Dopo l’annulamento delle nozze e la decisione unilaterale di separazione da parte del ragazzo, i due non si viderò più. La vita li portò su due strade parallele che, per le leggi della geometria non si potevano mai e poi mai più incontrare. Due destini per i quali non esisteva la riconciliazione. Tutti e due avevano sentito il bisogno di allontanarsi, di fuggire lontano, a migliaia di chilometri dalla Sicilia. Lui aveva scelto la via della chiesa, suggestionato molto da uno zio monsignore che gli aveva inculcato e fatto accettare il mistero della fede, se potete pensare che fosse possibile, e trasmesso la grande passione per le Sacre Scritture. Era diventato in poco tempo un padre pellegrino e aveva scelto di passare gran parte del tempo dedicandosi allo studio e alle missioni che la Compagnia di Gesù stava svolgendo in giro per il mondo. Aveva viaggiato in Australia e si era fermato per periodi lunghi in Colombia. Questo fino a tre anni fa quando, trovatosi a Cartagena con importanti incarichi, fu coinvolto in una sparatoria davanti alla chiesa dove allogiava e un proiettile gli andò a colpire la gamba sinistra. Dopo una lunga e dolorosa guarigione in un ospedale di Bogotà da cui era uscito zoppo, decise di rientrare a Roma per curarsi meglio.

Leggi tutto...

Maria Teresa

Piazza San Lorenzo in Lucina

26/04/2018|  Roma
a casa maria teresa storie noir stellina

Italiano

In piazza San Lorenzo in Lucina sono fioriti i ciliegi e Maria Teresa si prepara per fare il cambio di stagione nella sua vita e tra le poche cose posate nella valigia con la quale è arrivata qui due mesi fa. Sono a casa, dice e quella che per ora chiama casa è un piccolo appartamento in un vicolo vicino alla piazza, dove arriva solo il sole, la mattina presto, il postino, subito dopo il mezzogiorno suonato con malinconia dalle vecchie campane della chiesa, e verso il pomeriggio, qualche americano che ha il coraggio di uscire dai banali tour turistici preimpostati e avventurarsi nelle viscere della città. Una piccola palazzina a tre piani sulle cui mura si distinguono ancora i colori della pittura antica e gli affreschi sbiaditi dal tempo, con persiane in legno screpolato che proteggono dal sole e dall’invasione dei forestieri. A pianoterra, c’è un negozio di orologi da dove, la mattina, quando lei esce per fare la spesa, il commesso, un ragazzo sulla trentina con accento straniero l’aspetta per offrirle il caffè.

Leggi tutto...

Miscellaneous

25 giorni

02/04/2016|  home
blogger diaries Maria Teresa Roma by The Italian Glam

– IT –

Sono già passati 25 giorni.  25 giorni senza le sue telefonate, senza sapere se ha dormito o meno, se è felice o no, come ha passato la Pasqua, in quella famiglia la Pasqua è sempre stata Santa, una festa dalla quale nessuno si può esimere, l’occasione giusta per radunare tutti i parenti e stare insieme.  Una consuetudine questa alla quale Maria Teresa non si era mai arresa invece io, che vengo da una famiglia poco numerosa, ho sempre guardato con ammirazione. 25 giorni in cui ho contato le ore, i minuti, i secondi aspettando di vedere comparire sullo schermo del telefono la sua immagine o di sentire suonare e, aprendole la porta di respirare quel suo odore inconfondibile di zagara quando mi abbraccia. Invece niente di tutto questo è successo, 25 giorni sono arrivati e passati, sento che non posso andare avanti così quindi l’unica soluzione, quella che mi pesa più di quanto non abbia pesato la battaglia di Waterloo su Napoleone, è chiamare suo fratello. Devo confessare che ho sempre avuto una certa difficoltà nel parlare con lui da quando è successo quello che è successo tanti anni fa.

Leggi tutto...