Browsing Tag

Maria-Teresa

Maria Teresa

Cuore sacro

15/06/2019|  
stellina storyteller

Dieci giorni dopo l’incontro con papà, me ne andai a Roma da Maria Teresa. C’erano tanti motivi per cui andare a trovarla e il più importante era certo legato all’arrivo di Angelica, la bambina che aveva partorito proprio in quei giorni in cui io mi trovavo in Sicilia e alla quale volevo assolutamente dare il benvenuto. Dovevo poi portare un ambasciata da parte di papà e avevo bisogno di chiedere a Maria Teresa alcune spiegazioni sulla storia dei giornali di marzo che mi avevano arrovellato il cervello per diversi giorni e notti. Avevo bisogno di risposte chiare, schiette, in grado di sciogliere ogni dubbio che era nel frattempo germogliato nell’abisso solitario della mente.

Leggi tutto...

papà

L’undicesimo comandamento

18/05/2019|  
stellina storyteller

Secondo papà l’undicesimo comandamento richiede di non ostentare. Egli è convinto che l’ostentazione è la virtù dei deboli e ascoltandolo nelle sue argomentazioni non gli si potrebbe dare torto. Questa regola, insieme agli altre dieci, fa parte di un antico decalogo che i membri della famiglia osservano con devozione. Ma le malelingue dicono che papà in realtà ha qualcosa da nascondereCerto, ci è voluto del tempo a Maria Teresa per capire che non era buona creanza andare in giro agghindata come una sposa nel giorno del matrimonio perché questo senz’altro avrebbe attirato tanti occhi su di lei. 

Leggi tutto...

Maria Teresa

La fede

18/02/2019|  

Per Domenico, rigido uomo di chiesa che prende i testi religiosi alla lettera, il demonio ha la faccia dell’amore. Ha la faccia di una donna; quella che nella sua giovane età aveva ripudiato – beh, la parola è fintroppo riduttiva per descrivere i fatti – scappando lontano ma che la vita, beffarda, gliel’ha fatta incontrare di nuovo.

Quando queste cose sono successe, Domenico era un giovane di mondo che amava la vita e tutte le cose vane che essa offriva. Studiava, aiutava i genitori nella pasticceria di famiglia e si doveva sposare con una ragazza del paese di cui, vedendola crescere sotto i suoi occhi, si era invaghito non poco. Gli piacevano di lei la forma sinuosa del corpo che immaginava obbediente e fecondo per la sua stirpe, una volta domato, lo sguardo altero che non abbassava mai per prima nemmeno davanti al padre o ai fratelli, la sua genuinità. Ma per motivi che vi già raccontai qui il matrimonio non si fece. Dopo l’annulamento delle nozze e la decisione unilaterale di separazione da parte del ragazzo, i due non si viderò più. La vita li portò su due strade parallele che, per le leggi della geometria non si potevano mai e poi mai più incontrare. Due destini per i quali non esisteva la riconciliazione. Tutti e due avevano sentito il bisogno di allontanarsi, di fuggire lontano, a migliaia di chilometri dalla Sicilia. Lui aveva scelto la via della chiesa, suggestionato molto da uno zio monsignore che gli aveva inculcato e fatto accettare il mistero della fede, se potete pensare che fosse possibile, e trasmesso la grande passione per le Sacre Scritture. Era diventato in poco tempo un padre pellegrino e aveva scelto di passare gran parte del tempo dedicandosi allo studio e alle missioni che la Compagnia di Gesù stava svolgendo in giro per il mondo. Aveva viaggiato in Australia e si era fermato per periodi lunghi in Colombia. Questo fino a tre anni fa quando, trovatosi a Cartagena con importanti incarichi, fu coinvolto in una sparatoria davanti alla chiesa dove allogiava e un proiettile gli andò a colpire la gamba sinistra. Dopo una lunga e dolorosa guarigione in un ospedale di Bogotà da cui era uscito zoppo, decise di rientrare a Roma per curarsi meglio.

Leggi tutto...

I Diari di Stellina

Stellina seduta

21/01/2019|  
stellina seduta fotografia diari personali

Stellina seduta, nel cuore della sera, con un filo di voce: “pensi che Calogero si rifarrà una vita quando ritornerà?”

Maria Teresa in piedi, legge qualcosa da un foglio di carta stropicciato che ha trovato in uno degli scomparti della borsa; mentre si gira verso il cammino per buttare la carta strappata in mille pezzi, risponde: “No, ma quando non ci sarà più papà, sicuramente si….allora tutti noi ci rifaremo una vita”.

Lei se la sta già facendo.

stellina seduta fotografia diari personali
stellina seduta fotografia diari personali
stellina seduta fotografia diari personali

a presto

leggi i diari personali di Stellina qui

Leggi tutto...

Maria Teresa

Buone feste

28/12/2018|  
stellina diari

Dopo tre settimane, due viaggi e diversi doveri da assolvere sono tornata qui. Fuori l’aria è gelida e festosa, come la gente euforica che corre da una parte all’altra della città sorridendo mentre si scambia messaggi velocissimi su whatsapp. In casa tutto è così come avevo lasciato il giorno della partenza. Le stelle di Natale animano la sala con i loro fiori purpurei nonostante il buio totale al quale le avevo condannate per più di due settimane e la legna sana giace nel camino, in attesa di una scintilla. I regali di Maria Teresa sono ancora intatti dentro i sacchetti di carta posati per terra in un certo disordine e con un sottilissimo strato di polvere sopra. La scatola del panettone è la più grande. La apro incuriosita e guardo dentro. Una busta infilata tra la carta e il fiocco dorato contenente un foglio di carta e tre parole scritte di getto “Buone feste, gioia….” mi fanno venire in mente la donna. Il suo profilo ellenico che non è mai piegato alle tempeste della vita, lo sguardo altero, tipico di chi non sa chiedere perdono, la nobiltà d’animo verso chi non l’ha mai tradita. Mi chiedo dove sarà, come avrà passato il Natale e se sta bene. Per una serie di motivi che non sono dipesi da noi, ci siamo sentite veramente poco in questo periodo. 

Leggi tutto...