Browsing Tag

italian stories

Stellina's diaries

26 di maggio

28/05/2017|  Wonderland
doni 26 maggio dolce gabbana blusa seta

–  IT  –

26 di maggio. Un giorno da dimenticare per molti versi.

Avevo trovato questa blusa insieme ad una gonna della stessa serie nel pacchetto che Maria-Teresa infilò nella mia borsa il giorno che ci siamo incontrate. Vorrei tanto ricordarmi quella sera passata insieme ma l’unica cosa di cui sono sicura che sia successa è che abbiamo bevuto una bottiglia di champagne e verso le tre mi sono svegliata con lei accanto – dormiva con una mano dentro la mia camicia da notte solo perché così si sentiva al sicuro – e la stanza odorava di lei e di limoni appena fioriti.

Leggi tutto...

Stellina's diaries

Black velvet

09/05/2017|  Wonderland
an italian story black velvet by stellina giacca velluto costume national

  – IT –

  Un sole abbagliante si conquista il cielo e la terra di quei posti dove abita Stellina e lei è uscita di casa in velluto nero. Si sente al riparo, protetta, sotto quella peluria morbidissima e avvolgente che non fa arrivare nemmeno un filo di luce alle parti più nascoste del corpo. Stellina ha sempre pensato che il velluto, soprattutto quello nero, nobilitasse.  Lui dice che non ha più visto del velluto bello in giro dai tempi del Rinascimento. Dai tempi quando i Medici regnavano a Firenze e Bronzino dipingeva Eleonora in lussuosissimi abiti da cerimonia. Ah giusto, i più giovanni non hanno mai sentito parlare di Bronzino. Aldilà di questo Stellina pensa che lui stia esagerando.

Leggi tutto...

Stellina's diaries

Italy is Wonderland

01/05/2017|  Italy
italy is wonderland fave e pecorino by stellina

 – IT – 

Cosa dire? Non c’è tanto da dire alla fine di una festa che mi ricorda – ancora e penso che sarà per sempre così – i racconti di mia mamma: lei vestita di bianco e blu defilare per le strade della città e cantare insieme alle altre centinaia di giovanissime donne inni comunisti in onore di un dittatore analfabeta. Grazie a Dio tutto è finito prima che io capissi cosa stava accadendo.

Non c’è tanto da dire anche se oggi, dopo aver mangiato il pecorino con le fave e bevuto due, tre –  anche quattro, dopo il secondo, la realtà non è più una verità oggetiva – bicchieri di Brunello di Montalcino, mi sembrava di essere nel paese delle meraviglie. C’era da aspettarsi di tutto. C’era da aspettarsi che da qualche parte sbucasse fuori il coniglio e mi facesse fare un giro per questi bei posti. La mia paura più grande era che invece del coniglio potesse venire fuori Marx o ancora peggio, Lenin. 

Leggi tutto...

Stellina's stories

Matrimonio

30/04/2017|  Maria Teresa's home
a sicilian story matrimonio maria teresa by stellina

IT: E’ primavera e qui in Italia sta iniziando la stagione dei matrimoni e delle comunioni.   

 In Sicilia Maria Teresa si sta preparando per andare al matrimonio di una sua cugina. Dovete sapere che per Maria Teresa i matrimoni e i funerali sono cose serie, almeno dal punto di vista dell’abbigliamento, talmente serie che la sua carta di credito non basta mai per coprire tutte le spese e a quel punto papà deve intervenire. Questa volta però ha esagerato. Lo so perché ha chiamato diverse volte per consigliarsi con me su come vestirsi “tu sei l’unica di cui mi fido…” e mi ha accennato che aveva speso una fortuna e che Calogero era molto arrabbiato perché “idda spende in un giorno quanto io guadagno in una settimana…” e forse aveva ragione. Se continua così, presto la manderanno a lavorare…

Leggi tutto...

Stellina's films

Bidduzza mia

19/04/2017|  Wonderland
bidduzza mia sicilian story

“Tante volte ho provato amare un altra donna e anche se l’ho fortemente voluto, non sono mai riuscito. Ho capito quando sono ritornato da Bruxelles che in tutti questi anni se ho amato qualcuna, quella sei stata tu. Così, prima di proseguire per Palermo, mi sono fermato a Pisa, ho preso un taxi e sono venuto sotto casa tua. Sono stato lì, seduto in macchina fino all’alba insieme alla tua assenza e con la pineta a fianco. In giardino i fiori che avevi appena piantato si stavano aprendo, non ti ho visto ma ho sentito che eri appena passata da lì dal profumo che persisteva tra gli alberi di magnolia e dalle orme dei tuoi passi sull’erba appena tagliata. Ho immaginato il tuo sonno leggero dietro le persiane chiuse della finestra e il tuo cuore battere nel buio e mi sono rasserenato.

Leggi tutto...