Browsing Tag

Fausto Puglisi

Stellina aka Gioia

La notte del quattordici

15/02/2019|  
i diari di stellina storyteller

“Spegniete la luce e lasciatemi sognare”. La notte del quattordici febbraio è andata cosi….

“Sul mio letto, lungo la notte, ho cercato
l’amore dell’anima mia;
l’ho cercato, ma non l’ho trovato.
Mi alzerò e farò il giro della città
per le strade e per le piazze;
voglio cercare l’amore dell’anima mia.
L’ho cercato, ma non l’ho trovato.
Mi hanno incontrata le guardie che fanno la ronda in città:
«Avete visto l’amore dell’anima mia?».
Da poco le avevo oltrepassate,
quando trovai l’amore dell’anima mia.
Lo strinsi forte e non lo lascerò,
finché non l’abbia condotto nella casa di mia madre,
nella stanza di colei che mi ha concepito.

Leggi tutto...

Stellina aka Gioia

Angelica

15/06/2017|  Catai
a sicilian story angelica by stellina vestito fausto puglisi

Italiano:

“Con loro sei al sicuro”.  Orlando e Rinaldo, i suoi cavalieri che un giorno, quando si mise a leggere i versi preferiti dell’Orlando Furioso, aveva affidato a me. Dei piccolissimi pupi in argento con lancia e scudo che sembrano essere sempre in guardia e pronti al sacrificio finale per Angelica e per il suo amore. Papà li aveva regalati a Maria Teresa il giorno che la sentì maledire la terra dov’era nata implorando il cielo di poter cambiare il suo destino e di rinascere magari da un’altra parte. Un grande dispiacere per lui vederla soffrire e sapere di essere in parte colpevole per aver fatto troppo o troppo poco e tuttavia tentava con ogni mezzo di soffocare dentro quella ostilità che la figlia aveva sempre manifestato verso le impegnative tradizioni isolane e familiari e far emergere in lei – come nei figli maschi – l’orgoglio di fare parte di una famiglia i cui avi sembravano essere stati dei veri cavalieri sbarcati in Sicilia con un re venuto per conquistare, orgoglio di cui si nutriva la sua anima come il suo ridondante corpo. Ecco, non mi ricordo bene di quale re si stesse parlando ma mi ricordo vagamente i discorsi che papà faceva a volte a tavola; comunque si tratta di una storia antica.

Leggi tutto...

Stellina aka Gioia

Italian fashion stories – Angelica (preview)

11/06/2017|  Catai
italian fashion stories angelica by stellina vestito fausto puglisi

   –  IT –

Quella che sto per raccontarvi è una storia che dovevo scrivere lo scorso inverno e per strane ragioni di cuore ho sempre rimandato senonchè l’altro giorno, rovvistando tra le mie cose, gli occhi mi sono caduti sul vestito viola e ho sentito che era arrivato il suo momento. 

Quindi è la storia di un vestito – quello che vedete addosso a me appunto – e di un paio di orecchini che hanno qualcosa a che fare con Orlando, Rinaldo – i cavalieri – con i saraceni di rimando e con uno stilista messinese. La storia dei pasticcini di mandorle che lei, Maria Teresa, mi manda tutti mesi da Palermo. 

Leggi tutto...

Stellina aka Gioia

Fraintendimenti

14/02/2017|  in the dressing room
italian stories fraintendimenti cortometraggio by Stellina

 –  IT  – 

Stellina era un po’ indecisa ieri mentre stava rovistando tra le sue cose nell’armadio. Troppi vestiti belli e pensò subito che non era nemmeno una che smaniava per l’ultimo pezzo da collezione ma piuttosto un’oculatissima acquirente di oggetti belli e inalterabili nel tempo. Ha tirato fuori un vestito di Alessandro dell’Acqua e il vestito di Fausto Puglisi ed è rimasta per tutto il pomeriggio a pensare quale avrebbe scelto per il giorno dopo.

Leggi tutto...

Miscellaneous

La ragazza con il vestito a colori

24/11/2015|  does it matter?
amore-e-odio-storie-web-blogger-The-Italian-Glam

IT:

“Ricominciare poi, ma che senso ha, dopo tutto abbiamo deciso di andare avanti ogni uno con le nostre vite”. La ragazza con il vestito a colori parla con la voce fragile di una a cui è costato tanto prendere decisioni, tuttavia sento la risolutezza nel suo tono. Dice di non aver mai avuto il coraggio di esternare quei pensieri prima, tanto meno con interlocutori semi sconosciuti come me, forse era quello che cercava, qualcuno che si fermasse nella sua vita un attimo e con cui confidarsi prima di scomparire per sempre. ” Io con lui mi sento in colpa, ma non riesco più a guardarlo negli occhi senza rancore” si ferma un secondo per riprendere fiato e continua “Dio solo lo sa quante volte ho detto NO,  che senso ha tornare insieme dopo la solitudine, i sensi di colpa, le promesse”.

Leggi tutto...