Browsing Tag

cortometraggio

Stellina's films

Bidduzza mia

19/04/2017|  Wonderland
bidduzza mia sicilian story

“Tante volte ho provato amare un altra donna e anche se l’ho fortemente voluto, non sono mai riuscito. Ho capito quando sono ritornato da Bruxelles che in tutti questi anni se ho amato qualcuna, quella sei stata tu. Così, prima di proseguire per Palermo, mi sono fermato a Pisa, ho preso un taxi e sono venuto sotto casa tua. Sono stato lì, seduto in macchina fino all’alba insieme alla tua assenza e con la pineta a fianco. In giardino i fiori che avevi appena piantato si stavano aprendo, non ti ho visto ma ho sentito che eri appena passata da lì dal profumo che persisteva tra gli alberi di magnolia e dalle orme dei tuoi passi sull’erba appena tagliata. Ho immaginato il tuo sonno leggero dietro le persiane chiuse della finestra e il tuo cuore battere nel buio e mi sono rasserenato.

Leggi tutto...

Stellina's films

Weekends with Stellina

21/03/2017|  Italy
italian fashion stories weekends by Stellina

IT: Cosa fa Stellina nel fine settimana. Va a teatro o a cena, si tratta spesso di cene in casa – di tipo bunueliano anche se lei è sempre stata indecisa tra Il fascino discreto della borghesia (#ilfascinodiscretodellaborghesia su Instagram) e La grande bellezza – in versione laica, l’ombra del Vaticano è meno ingombrante in provincia – altre volte viaggia, viaggi corti, in Italia, a Venezia spesso, soprattutto ora che Jezebel è ricoverata in una clinica in laguna. Jezebel beveva troppo ultimamente. Stellina ha dovuto insistere perché lei accetasse di parlare con questo loro amico che dirige una clinica a Venezia. Lui l’ha convinta che doveva provare.

Leggi tutto...

Stellina's films

Spring flowers

13/03/2017|  Italy
italian fashion stories spring flowers mimose by Stellina top Yamamay pantaloni dolce gabbbana

IT: Quando l’ho chiamata il giorno otto, Maria-Teresa stava andando a Palermo. I suoi abitano nelle vicinanze quindi lei si reca in città per fare delle commissioni quasi tutti i giorni. Penso che lo faccia anche per una sorta di liberazione dalla sua famiglia che – le è stato inculcato sin da piccola e non può prescindere da questo per quanto lo volesse – viene prima di qualsiasi altra cosa. L’ultima volta che ha provato liberarsi di loro era andata a New York e ci sarebbe rimasta per sempre se non l’avessero richiamata nel cuore della notte per dirle che papà era gravemente malato e forse sarebbe stato il caso che lei tornasse. E quando suo fratello dice forse, per lei quel forse è più importante di una bolla papale. 

Leggi tutto...

Stellina's films

Thirtieth day

04/03/2017|  somewhere in Southern Italy
italian drama thirtieth day short film by Stellina

IT:  Qualche giorno fa. Le quattro del pomeriggio al Sud, il sole abbaglia, quasi abbacina, ma non scalda, un ondata di vento rabbioso s’intrufola dentro la casa facendo sbattere le porte e mi ricorda che ho un ora a disposizione per prepararmi. In realtà rimango nei vestiti nei quali avevo passato la mattinata, devo solo cambiare le scarpe e mettere i guanti. Alle quattro e mezzo lui esce dicendomi che mi aspetta in chiesa. “Mi raccomando non tardare…” e c’è già un filo di indisposizione nella sua voce. Alle cinque meno un quarto tiro la porta dietro di me  con una certa agitazione nel cuore e m’avvio verso la chiesa. Il telefono è scarico, sulla porta di casa incontro persone che mi chiedono di lui e mi accompagnano poi lungo il percorso. Lo intravedo da lontano in mezzo alla gente del paese, saluta, stringe mani, s’intrattiene con ognuno di loro e quando mi vede arrivare le rughe sulla fronte si distendono per un attimo ritornando di nuovo, subito, tese. Saluto. Entro in chiesa e mi siedo sulla panca insieme con i suoi. C’è tanta gente sconosciuta, faccio un ceno con la testa verso i pochi che conosco e rimango in silenzio. C’è anche Ninetta tre banchi dietro di noi. Pochi minuti dopo inizia la messa. Niente filmati aveva detto. 

Leggi tutto...

Stellina's films

Saldi con A.

27/02/2017|  Pisa
italian fashion stories saldi

IT: Questo è quello che abbiamo fatto il giorno in cui indossavo il piumino di Emilio Pucci di cui vi parlai qui. Ho incontrato A., abbiamo fatto una passeggiata in corso Italia e abbiamo fatto un po’ di shopping. Eravamo in bel mezzo della stagione dei saldi. Lei era venuta con l’idea di rinnovare il cassetto della lingerie e io…veramente non avevo né grandi aspettative, né grandi intenzioni. Non mi ricordo se ho comprato qualcosa. Si, delle calze color carne con la riga nera da Calzedonia e delle camicette da Zara. Mi stavano troppo bene. 

Leggi tutto...