Browsing Tag

cortometraggio

Stellina aka Gioia

Any questions?

01/09/2017|  in and out
italian drama by stellina

– Italiano –

Ci sono persone che capitano per la prima volta qui come sulla pagina di Instagram e non capiscono di cosa si tratti. Fashion-blogger, fotografa, testimonial in incognito, attrice…

Allora da capo. Chissà quante volte lo dovrò ridire prima che tutti sappiano chi è Stellina.

Quello che state guardando è una sorta di telenovela digitale che si sta svolgendo in Centro e Sud-Italia. Stellina è una story-teller. Un carissimo amico mi ricordava ieri sera in una mail che il primo – e il più grande – narratore di storie della nostra civiltà è stato Omero. Sempre lui diceva che pochi si ricordano il secondo, il terzo, il trentesimo ecc.. Aveva ragione.

Leggi tutto...

Stellina aka Gioia

Angelica

15/06/2017|  Catai
a sicilian story angelica by stellina vestito fausto puglisi

Italiano:

“Con loro sei al sicuro”.  Orlando e Rinaldo, i suoi cavalieri che un giorno, quando si mise a leggere i versi preferiti dell’Orlando Furioso, aveva affidato a me. Dei piccolissimi pupi in argento con lancia e scudo che sembrano essere sempre in guardia e pronti al sacrificio finale per Angelica e per il suo amore. Papà li aveva regalati a Maria Teresa il giorno che la sentì maledire la terra dov’era nata implorando il cielo di poter cambiare il suo destino e di rinascere magari da un’altra parte. Un grande dispiacere per lui vederla soffrire e sapere di essere in parte colpevole per aver fatto troppo o troppo poco e tuttavia tentava con ogni mezzo di soffocare dentro quella ostilità che la figlia aveva sempre manifestato verso le impegnative tradizioni isolane e familiari e far emergere in lei – come nei figli maschi – l’orgoglio di fare parte di una famiglia i cui avi sembravano essere stati dei veri cavalieri sbarcati in Sicilia con un re venuto per conquistare, orgoglio di cui si nutriva la sua anima come il suo ridondante corpo. Ecco, non mi ricordo bene di quale re si stesse parlando ma mi ricordo vagamente i discorsi che papà faceva a volte a tavola; comunque si tratta di una storia antica.

Leggi tutto...

Calogero

Bidduzza mia

19/04/2017|  Wonderland
bidduzza mia sicilian story

Italiano

“Ho provato ad amare un altra donna e anche se l’ho voluto, non ci sono mai riuscito. Ritornando da Bruxelles, ho capito, per una strana coincidenza, che in tutti questi anni se ho amato qualcuna, quella sei stata tu. Così, prima di proseguire per Palermo, mi sono fermato a Pisa, ho preso un taxi e sono venuto sotto casa tua. Sono stato seduto in macchina fino all’alba, con te, addormentata al piano di sopra e con la pineta buia accanto. In giardino i fiori che avevi appena piantato si stavano aprendo, tu eri appena passata da lì, lo sentivo dal profumo che avevi lasciato tra gli alberi di magnolia e dalle orme dei tuoi passi sull’erba appena tagliata. Ho immaginato il sonno leggero dietro le persiane chiuse della finestra e il tuo cuore battere nel buio e il pensiero mi ha rasserenato.

Leggi tutto...

Stellina aka Gioia

Weekends with Stellina

21/03/2017|  Italy
italian fashion stories weekends by Stellina

IT: Cosa fa Stellina nel fine settimana. Va a teatro o a cena, si tratta spesso di cene in casa – di tipo bunueliano anche se lei è sempre stata indecisa tra Il fascino discreto della borghesia (#ilfascinodiscretodellaborghesia su Instagram) e La grande bellezza – in versione laica, l’ombra del Vaticano è meno ingombrante in provincia – altre volte viaggia, viaggi corti, in Italia, a Venezia spesso, soprattutto ora che Jezebel è ricoverata in una clinica in laguna. Jezebel beveva troppo ultimamente. Stellina ha dovuto insistere perché lei accetasse di parlare con questo loro amico che dirige una clinica a Venezia. Lui l’ha convinta che doveva provare.

Leggi tutto...

Maria Teresa

Spring flowers

13/03/2017|  Italy
italian fashion stories spring flowers mimose by Stellina top Yamamay pantaloni dolce gabbbana

IT: Quando l’ho chiamata il giorno otto, Maria-Teresa stava andando a Palermo. I suoi abitano nelle vicinanze quindi lei si reca in città per fare delle commissioni quasi tutti i giorni. Penso che queste uscite siano una sorta di liberazione dalla famiglia che – le è stato inculcato sin da piccola e non può prescindere da questo per quanto lo volesse – viene prima di qualsiasi altra cosa. L’ultima volta che ha provato liberarsi di loro era andata a New York e ci sarebbe rimasta per sempre se non l’avessero richiamata nel cuore della notte per dirle che papà era gravemente malato e che forse era arrivato il momento di tornare. E quando suo fratello dice forse, per lei quel forse è più importante di una bolla papale. 

Leggi tutto...