I Diari di Stellina

Il cavallo di Troia

18/04/2018|  
le storie di stellina collana dolce gabbana

Italiano

Il cavallo di Troia è in casa….

Da quando l’ho vista per la prima volta, ho sempre pensato che nel sangue di Maria Teresa scorresse tanto di tragedia greca e i fatti dimostrano che non mi sbagliavo. 

Qualche settimana dopo il suo viaggio in Toscana, uno strano giorno di lunedì in cui mi chiedevo quando sarebbe tornata di nuovo qui, ho trovato in un mobile in mansarda – uno di quelli che non apro mai in quanto pieno di cose che non uso più – una scatola di velluto nero abbastanza grande da incuriosirmi, la cui scritta dorata sopra mi trasmetteva niente altro che una voglia matta di aprirla. Ah, si, in quel momento, non desideravo altro… e per quanto distratta fossi, ero sicura di non aver mai comprato niente del genere. 

Leggi tutto...

I Diari di Stellina

Erika si, Erika no

12/04/2018|  via Alfredo Catalani
erika si diari di moda stellina

Italiano

Erika si, Erika no, Erika si….

Sono così dipendente dalle mantelle ultimamente che mi chiedo se non sia il caso di andare a ricoverarmi in un centro di disintossicazione prima che sia troppo tardi.

La mantella di Erika Cavallini è stata una di quelle che ho indossato di più quest’inverno. Insieme a un paio di jeans e le scarpe di velluto perché non sopporto gli stivali. Inutile dire, ho avuto freddo.

English

Erika yes, Erika no, Erika yes…

I’m so capes-addicted lately that I might need to go to the rehab before it’s too late. The teddy-bear from Erika Cavallini was one those I wore most this winter, even if it ain’t cozy at all. With jeans and velvet shoes, cause I hate boots. Needless to say, I felt cold.

Leggi tutto...

I Diari di Stellina

Il tempo delle mimose

04/04/2018|  FDM
il tempo delle mimose le storie di stellina

Italiano

Mese di marzo, l’otto di marzo per la precisione e qui, dove mi trovo io, è di nuovo il tempo delle mimose nonostante l’inverno, lungo e poco clemente, che ha spazzato via l’illusione di una mite e redolente primavera, nonostante le nostre elucubrazioni. Cosa facevamo l’anno scorso di questi tempi? Costruivamo castelli di carte e, come adesso, aspettavamo che il primo soffio più forte di Eolo li radesse a terra. Tutto è cambiato dall’anno scorso a oggi, o forse sono solo io che sono cambiata, e la gente intorno, fantasmi che vagano alla luce del sole in cerca di qualcosa altrettanto etereo quanto le loro sagome indefinite. Maria Teresa è cambiata. Ora vive lontano da casa, un fase transitoria nella città eterna, divisa tra l’immenso amore e l’astio che la sua nobile anima nutre per gli uomini più importanti della sua vita. Non so più niente di Calogero da tanto, Maria Teresa ha detto, tra una confessione e l’altra, che non poteva dirmi più niente di lui e io negherò sempre tutto, semmai qualcuno me lo chiederà in faccia, ma la verità è che il pensiero, nel suo vagare, a volte ritorna lì… Isabella, vista di sfuggita a Pasqua è un problema irrisolto. 

Leggi tutto...

Shopping con Stellina

Liu Jo jeans

24/03/2018|  
liu jo denim

Ci voleva Liu-Jo per capire che qui è arrivata la primavera….

Sono così presa da Maria Teresa e dal suo mondo fatto di vestiti di pizzo, velette e pianti melodrammatici che non mi sono nemmeno accorta quando l’inverno se ne sia andato. L’ho capito quando ho intravisto, in un giardino del centro, piccoli alberi di pesco in fiore e i panelli pubblicitari in giro per la città che riportavano esili figure femminili in abiti succinti e jeans attillati. Ho, in quel momento, scoperto con stupore che la moda non ruotava intorno a Dolce & Gabbana, come mi aveva fatto credere lei. E che c’erano tante altre cose da provare fuori da questa piccola trappola dorata nella quale mi aveva fatto cadere.  

Leggi tutto...

I Diari di Stellina

Cedimenti

19/03/2018|  
cedimenti diari stellina dolce gabbana zara

Italiano

Oggi è la festa del papà. Mentre a Roma, la ritirata di Maria Teresa va avanti a oltranza, qui, in Toscana, due giorni fa ho scoperto i primi segni di cedimento sul viso. Non le solite rughe d’espressione sottili che – da quando l’ha detto Balzac, lo dicono tutti – fanno parte del fascino della donna a trent’anni e l’accompagnano durante le risate improvvise, rendendola più leggiadra delle muse dipinte con scioltezza dai pittori impressionisti, ma striduli segni del tempo che rigano il collo e la pelle liscia intorno agli occhi con i quali si va a letto e ci si alza l’indomani. Segni di vita vissuta che mi fanno pensare alla vecchia di Giorgione o alle donne di Van Gogh. D’altra parte qui nessuno è mai morto per amore, ma per vecchiaia o per piacere. Agli altri. 

Leggi tutto...